Benvenuti su

The Live News

Kris Live Music

Archivi per: Gennaio 2017

L'isola dei famosi 2017 reality show

Gennaio 22nd, 2017
l'isola dei famosiA partire da lunedì 30 gennaio andrà in onda su Canale 5, in prima serata, la nuova edizione “dell’Isola dei famosi” condotta anche quest’anno da Alessia Marcuzzi, affiancata da Stefano Bettarini (inviato in Honduras) e da Vladimir Luxuria (ospite in studio come opinionista).

I 12 concorrenti che invece approderanno sull’isola sono: Massimo Ceccherini, Eva Grimaldi, Raz Degan, Nathalie Caldonazzo, Dayane Mello, Simone Susinna, Giacomo Urtis, Malena, Moreno, Giulio Base, Samantha De Grenet, Nancy Coppola ed Andrea Marcaccini. Quest’ultimi tre sono delle new entry che hanno sostituito Stefania Nobile con la madre Wanna Marchi per non destare scalpore.

Chi riuscirà a sopravvivere alle insidie dell’Honduras? Scopritelo puntata dopo puntata… fino a veder acclamato il vincitore di questa nuova stagione!

Le spie della porta accanto (2016) di Greg Mottola

Gennaio 22nd, 2017

locandina film le spie della porta accantoREGIA: Greg Mottola
CAST: Isla Fisher, Gal Gadot, Jon Hamm, Zach Galifianakis, Patton Oswalt, Matt Walsh, Maribeth Monroe, Kevin Dunn, Jeff Chase, Cullen Moss, Amy Parrish, Ari Shaffir
GENERE: commedia
TITOLO ORIGINALE: Keeping Up With the Joneses
DURATA: 105 minuti
PAESE DI PRODUZIONE: Stati Uniti d’America (2016)
DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox
DATA DI USCITA NEI CINEMA: mercoledì 8 febbraio 2017

TRAMA:
Una coppia di giovani vive la vita in modo tranquillo ma un giorno essa viene stravolta a causa dei nuovi vicini. Essi di professione sono due agenti segreti sotto copertura.

TRAILER:

Umer, l'app per organizzare i funerali

Gennaio 21st, 2017
umerIn Russia, in questi giorni, sta debuttando una nuova app: Umer, ideale per prenotare le svariate cerimonie funebri. L’applicazione, in stile Uber, consente di inserire i dati relativi ad ogni utente e di proseguire la navigazione con un apposito menù indicante le caratteristiche per un perfetto funerale.

Tra le varie opzioni, l’utente può scegliere il luogo di sepoltura, il soggetto a cui affidare la cerimonia, i fiori, il tipo di bara, il design della lapide e tanto altro. Dopo aver eseguito tali istruzioni il funerale è così organizzato!

Come mai l’app si chiama Umer? Perchè letteralmente, in russo, significa “è morto". Molti utenti però si sono dissociati da questa iniziativa poichè ritengono che la scomparsa di un proprio caro è un argomento delicato ma soprattutto molto triste.

Torciglioni alla crema

Gennaio 21st, 2017

torciglioni alla cremaSi tratta di un dolce tipico siciliano molto spesso consumato per le vie come cibo da strada. La loro forma è simile a quella di arrotolati fatti fritti e riempiti con abbondante crema. Questo dolce siciliano ha la forma simile a un cannolo. Il torciglione, infatti, è preparato con un cannello dove viene avvolto l’impasto del panbrioche che viene farcito di crema che può essere: alla ricotta, al cioccolato o pasticcera.
Qui di seguito vi propongo la variante con la ricotta e gocce di cioccolato.

INFORMAZIONI:
DIFFICOLTA’: media
TEMPO DI PREPARAZIONE: 45 minuti
TEMPO DI COTTURA: 20 minuti
DOSI: 11 pezzi
CALORIE: 375 ogni 100 grammi

INGREDIENTI:
- PER L’IMPASTO:

farina
 500 gr di farina 00
strutto
 50 gr di strutto
latte
 250 ml di latte tiepido
sale
 8 gr di sale
lievito
 12 gr di lievito di birra fresco
zucchero semolato
 50 gr di zucchero semolato
uova
 1 uovo medio
olio di semi
 olio di semi di arachide    

 

  - PER FARCIRE:

200 gr di zucchero semolato
80 gr di gocce di cioccolato
400 gr di ricotta di pecora

 

 FASI DI PREPARAZIONE:

La prima cosa da fare per preparare i torciglioni alla crema è di iniziare dal ripieno. Scolate la ricotta per eliminare l’acqua in eccesso poi schiacciatela con un mestolo, aggiungete lo zucchero e mescolate bene con un mestolo fino ad ottenere un impasto cremoso. Aggiungete solo alle fine le gocce di cioccolato perchè altrimenti si scioglieranno nel composto. Lasciate riposare in frigorifero per 4 ore.

Dopo preparate l’impasto dei torciglioni. In una ciotola capiente mettete la farina setacciata insieme allo zucchero, l’uovo intero e sbattete con la forchetta. Sciogliete il lievito di birra in 125 ml di latte tiepido e aggiungete il tutto all’impasto. Sciogliete il lievito di birra in 125 ml di latte tiepido e nei restanti 125 ml lo strutto. Impastate il tutto con una forchetta e aggiungete la farina e iniziate a impastare con le mani. Trasferite l’impasto su una spianatoia e continuate a impastare fino a ottenere un impasto liscio e sodo. Ci vorranno circa 15 minuti.

Lasciate lievitare in forno spento con luce accesa per circa 2 ore. Prendete un vassoio rivestito di carta forno spennellato con l’olio che dovrà contenere i torciglioni fritti. Dividete l’impasto ottenuto, in precedenza, e arrotolatelo sul cannello usato anche per il cannolo e fate almeno tre giri. Fate accortezza a non tirare l’impasto e lasciate in mezzo uno spazio. Poneteli sul vassoio e lasciate lievitare per circa un’ora sempre in forno spento con luce accesa.

Trascorso il tempo necessario potete friggerli in una pentola alta del diametro di 22 cm facendo in modo che la temperatura dell’olio non superi i 170°. Immergeteli nella pentola e rigirateli spesso con una pinza. Toglieteli dal fuoco quando saranno bruni ma non bruciati. Per ogni torciglione sono necessari circa 6-7 minuti di cottura. Per eliminare l’olio in eccesso metteteli su un foglio di carta assorbente.

Prendete il ripieno di ricotta con le gocce di cioccolato. Mettete il composto un una sac-à-poche con una bocchetta stellata utile per la farcia e passateli nello zucchero semolato per renderli più gustosi. Adesso potete gustarli… buon appetito!

Avete mai gustato questo delizioso dolce tipico siciliano? Quale farcia preferite?

Il cavallo che è andato al funerale del padrone

Gennaio 21st, 2017
cavallo che è andato al funeraleSpesso tra gli uomini e gli animali si instaurano, col tempo, dei bellissimi legami d’affetto e talvolta l’uno non può fare a meno dell’altro come è capitato a questo cavallo bianco.

La tenera bestiola, quando è morto il proprio padrone, è rimasto attaccato a quest’ultimo anche durante il suo funerale al punto tale da appoggiarsi alla bara e a muoversi, ogni tanto, in maniera agitata per manifestare il suo dispiacere e dolore.

I gesti del cavallo hanno sorpreso i numerosi parenti e amici del defunto e qualcuno di loro si è perfino commosso… questo dimostra come un legame tra un animale e un padrone può essere considerato “una storia d’amore consolidata".