Benvenuti su

The Live News

Kris Live Music

Archivi per: Febbraio 2016, 25

L'Autosole delle biciclette

Febbraio 25th, 2016
autosole delle biciPer gli appassionati di bici è prevista una buona notizia: la creazione di una pista ciclabile a lunga percorrenza con i possibili collegamenti: Verona-Firenze, Venezia-Torino, Venezia- Lecce ed anche il centro di Roma.

Lo Stato ha finanziato ben 91 milioni di euro per le cosiddette “bici-strade” e secondo Paolo Gandolfi, coordinatore dell’intergruppo parlamentare della mobilità ciclistica, i fondi potranno accrescere di anno in anno.

La linea che collega Venezia a Lecce è stata resa possibile grazie all’intervento di ben 56 associazioni e 20 imprese (alberghi, pro loco, agenzie di viaggi) con l’intento non solo di aumentare il turismo ma di stimolare l’uso da parte degli italiani di un nuovo tipo di strade.

Lo scopo finale, come afferma Paolo Pileri (docente della Pianificazione territoriale e dell’ambiente, è quello di dare vita ad un ciclovia unica, senza tratti interrotti, in modo da percorrere pure il Sud; in sintesi, una sorta di “Autostrada ciclistica".  Obiettivo che si può raggiungere con la collaborazione degli italiani, i quali possono sfruttare il precedente sistema bici più treno: in questo modo possono usufuire dei parcheggi per le bici, collocandole presso le stazioni ferroviare ed agevolare così i pendolari.

Chi diavolo ho sposato?, programma tv

Febbraio 25th, 2016

Chi diavolo ho sposato?, programma tv

Programma televisivo in onda su Real Time. Purtoppo non per tutti il matrimonio ha il lieto fine, ma molto spesso dietro un marito perfetto c’è solo una maschera che nasconde bugie, se non di peggio. Di conseguenza i matrimoni si trasformano in disastro, storie di donne e mogli ingannate da mariti che in realtà non conoscono.

Con il matrimonio, alcune spose hanno inconsapevolmente firmato per molto più di una luna di miele felice e un nuovo cognome. Da truffatori vestiti da uomini d’affari, a bigami mascherati da fedeli compagni, in ogni episodio seguiremo storie di profondi e oscuri segreti che sono sfuggiti alle ignare mogli di questi uomini per troppo tempo. 

Nel primo episodio viene raccontato lo stile di vita idilliaco di Kathleen e Bruce nel New England che è cambiato quando la terribile cyber ossessione dell’uomo ha iniziato a distruggere la vita della coppia e la sua malvagità ha inziato a venire a galla. La vicenda di Debora Hunnewell, invece, è un racconto oscuro di infedeltà. La donna viene conquistata dall’affascinante collega Scott Erskine. I due si sposano e mettono al mondo un bambino. Ma il comportamento di Scott diventa strano e inquietante. Debora tenta disperatamente di fuggire da questa terribile situazione. Purtroppo non sa che Scott ha dei pericolosi scheletri nell’armadio.

Il quesito che accomuna le donne che hanno deciso di raccontare il loro vissuto all’interno di questo programma, si riferisce alla loro incapacità di riconoscere a priori chi davvero fosse la persona che avevano al loro fianco. Domande ossessive che annebbiano la mente e si acuiscono con il pensiero ricorrente degli attimi terribili di quelle storie d’amore che sembravano favole, ma che in realtà si sono rivelate i peggiori degli incubi.

Tutte le storie vengono raccontante direttamente dalle donne ingannate dai loro mariti-carnefici: proprio l’uso della prima persona nel racconto di ogni singola storia porta ad un alto coinvolgimento emotivo per lo spettatore, il quale è portato a provare sentimenti di empatia nei confronti delle protagoniste, per il loro passato, per il loro presente e il loro futuro che avrà sempre l’ombra di un vissuto troppo grande per esser scacciato in un soffio di vento.

Troppe ragazze, donne di qualsiasi età e di qualsiasi cultura, ancora credono di aver trovato l’amore della propria vita ritrovandosi, invece, a vivere esperienze terribili, riportandone ferite psicologiche e spesso anche fisiche.


Il pappagallo cantante

Febbraio 25th, 2016

Hatebeak

Gli Hatebeak, sciolti nel 2009, sono stati una band death metal decisamente insolita: il loro cantante infatti era un pappagallo. La band si era formata nel 2004, creata da Blake Harrison e Mark Sloan (rispettivamente alla chitarra e al basso), e alla voce c’era un pappagallo africano di nome Waldo, che “fa rumori da pappagallo e dice anche qualche parola”.

Gli Hatebeak sono rimasti un progetto di studio, limitandosi a registrare le loro canzoni, e non hanno mai fatto concerti dal vivo, perché i decibel sarbbero stati nocivi per l’animale, ma questa aurea di “mistero” che si è creata intorno alla band ha contribuito alla loro notorietà nell’ambiente, con fan entusiasti che la hanno definita “stupidamente geniale”.

Harrison ha spiegato che l’idea è nata solo per la passione per il metal più pesante: “L’unico obiettivo era quello di alzarle il limite estremo della musica”. I titoli delle canzoni fanno spesso il verso a classici del metal e dell’hard rock, giocando sul termine “beak” (becco), con brani come “Number of the Beak” e “The Thing That Should Not Beak”.

Room (2015) di Lenny Abrahamson

Febbraio 25th, 2016

Room

DATA USCITA NEI CINEMA: 03 marzo 2016
GENERE: Drammatico
ANNO: 2015, Irlanda
REGIA: Lenny Abrahamson
CAST: Brie Larson, Megan Park, William H. Macy, Joan Allen, Amanda Brugel, Sean Bridgers, Jacob Tremblay
DISTRIBUZIONE: Universal Pictures Italy
DURATA: 118 Min

 

TRAMA

Una storia dei nostri giorni che racconta l’amore sconfinato tra madre e figlio. Il piccolo Jack non sa nulla del mondo ad eccezione della camera singola in cui è nato e cresciuto.

GUARDA IL TRAILER


La borsa di una donna di Noemi

Febbraio 25th, 2016

la borsa di una donna di noemiARTISTA: Noemi
TIPO DI CANZONE: singolo estratto dall'album dell'artista e brano presentato alla 66° edizione del Festival di Sanremo
GENERE: pop rock
ALBUM: Cuore d'artista (uscito il 12 febbraio 2016)
AUTORE DEL BRANO: Marco Masini
TEMA DEL BRANO: il contenuto di una borsa fatto metafora cioè i segreti, i desideri di ogni donna e le cose che non riusce a buttare via
DATA DI PUBBLICAZIONE: mercoledì 10 febbraio 2016

VIDEO:

TESTO DELLA CANZONE:

La borsa di una donna pesa come se ci fosse la sua vita dentro 
Tra un libro che non vuole mai finire ed altri trucchi per fermare il tempo 

C’è la sua foto di un anno fa che ha messo via perché non si piaceva 

Ma a riguardarla adesso si accorge che era bella ma non lo capiva 

La borsa di una donna riconosce le sue mani e solo lei può entrare 

Nascosto in una tasca c’è quel viaggio che è una vita che vorrebbe fare
 

Milioni di scontrini, l’inutile anestetico del suo dolore 
E stupidi sensi di colpa per quel desiderio di piacere 

E se ci trovasse quei giorni 

Di carezze fra i capelli 

Lei per due minuti soli 

Pagherebbe mille anni 

Anni spesi per ritrovare
 

Le cose che qualcuno è riuscito a smarrire 
La voglia di sorridere, di perdonare 

La debolezza di essere ancora 

Come la vogliono gli altri 

La borsa di una donna non si intona quasi mai con quel che sta vivendo 

Nasconde il suo telefono gelosa di qualcuno che la sta chiamando 

Vicino alle sue chiavi la solita ossessione di scordarle ancora
 

E in quel disordine apparente la paura di restare sola 
La borsa di una donna che può rivelare i suoi segreti in un momento 

E forse nella tua distrattamente la sua vita c’è rimasta dentro 

Tu che pensavi che ci fosse rimasto un po’ di spazio per un altro amore 

Invece nella borsa di una donna non c’è posto per dimenticare, dimenticare…
 

E vai dove ti porta il cuore, si… 
Un ritaglio dentro la patente 

Ci sei stata mille volte ma 

Non ci hai mai trovato niente 

Niente che ti aiuti a capire 

Il senso di una sera che non sa meravigliare
 

Il senso del tuo ricordare e progettare 
Scordandoti di vivere adesso 

Adesso che si alza un vento che spazza le nuvole 

E che si porta via gli inverni 

La polvere, i dubbi e i miracoli
 

Aspettati mille anni 
Anni spesi per ritrovare 

Le cose che qualcuno è riuscito a smarrire 

La voglia di sorridere, di perdonare 

La debolezza di essere ancora 

Come ti vogliono gli altri 

La borsa di una donna pesa come se ci fosse la mia vita dentro