Benvenuti su The Live News

Kris Live Music


Effetto domino di Emma

Marzo 8th, 2018
effetto domino di emma

ARTISTA: Emma
TIPO DI CANZONE: secondo singolo estratto dal suo ultimo album
ALBUM: Essere qui (2018)
GENERE: pop rock, elettropop
ETICHETTA: Universal
PRODUTTORI: Emma Marrone e Luca Mattioni
TEMA DEL BRANO: il sesso raccontato con un filo di ironia e sensualità
CONTENUTO DEL VIDEO: Emma, con la sua chitarra, si cimenta con la pole dance all'interno di una discoteca per attirare l'attenzione di  un commensale. Tra i due scatterà una vera e propria scintilla ricca di baci, passeggiate romantiche e notti d'amore.
DATA DI PUBBLICAZIONE: venerdì 2 marzo

VIDEO:

TESTO DELLA CANZONE:

Lasciamo tutte le occasioni aperte 
Lasciamo un filo d’aria alle finestre 
Ventimila leghe sotto le coperte 
Fammi vedere se la voglia ti rimane 
Sempre di sudare senza avere un obiettivo

Solo la notte 
Restiamo nudi appesi a un filo 
Che va 
Dalle mie gambe ai tuoi occhi 
Fammi vedere amore quando ritorni 

Ho sempre voglia di farmi male con te 
Facciamo i nostri giochi con la luce 
Ho sempre voglia di farmi male con te 
Facciamo i nostri giochi con la luce 

E sai perché 
Passiamo tutta la vita in cerca di un senso 
Che no, non c’è 
E a me piace di più stare sul pavimento 
Addosso a te 
E se si deve andare giù 
Andiamo giù 
Con l’effetto domino 
Con l’effetto domino 
Con l’effetto domino 
Con l’effetto domino 

Ne usciamo a pezzi dall’effetto domino 
Se una certezza crolla inizia il panico 
C’è una promessa sul tuo corpo 
Da mantenere 
Se sanno tutti il tuo segreto 
Negalo. 
Per sudare senza avere 
più pensieri solo la notte 
Restiamo nudi come ieri 
E che fai se metto una benda sugli occhi? 
Fammi vedere amore quando mi tocchi. 

Ho sempre voglia di farmi male con te 
Facciamo i nostri giochi con la luce 

Ho sempre voglia di farmi male con te 
Facciamo i nostri giochi con la luce 

E sai perché 
Passiamo tutta la vita 
In cerca di un senso 
Che no, non c’è 

E a me piace di più stare sul pavimento 
Addosso a te 
E se si deve andare giù 
Andiamo giù 
Con l’effetto domino 
Con l’effetto domino 
Con l’effetto domino 
Con l’effetto domino 

E puoi usarmi 
Come ti uso io 
Solo quanto basta per sentire ancora 

Ho sempre voglia di farmi male con te 
Facciamo i nostri giochi con la luce 
Ho sempre voglia di farmi male con te 
Facciamo i nostri giochi con la luce 
Ho sempre voglia di farmi male con te 
Facciamo i nostri giochi con la luce 
Ho sempre voglia di farmi male con te 
Facciamo i nostri giochi con la luce 

E sai perché 
Passiamo tutta la vita in 
Cerca di un senso 
Che no, non c’è 
E a me piace di più stare sul pavimento 
Addosso a te 
E se si deve andare giù 
Andiamo giù 
Con l’effetto domino 
Con l’effetto domino 
Con l’effetto domino 
Con l’effetto domino 
Con l’effetto domino 
Con l’effetto domino

Io non abito al mare di Francesca Michielin

Marzo 2nd, 2018

io non abito al mare di francesca michielin

ARTISTA: Francesca Michielin
TIPO DI CANZONE: secondo singolo estratto dal suo ultimo album
ALBUM: 2640 (2018)
GENERE: pop
ETICHETTA: Sony Music
AUTORI DEL BRANO: Michielin e Calcutta
INFO: il brano esalta la difficoltà di comunicare, la differenza che c’è tra sentire ed ascoltare, gli ostacoli in mezzo alle nostre parole perchè in fondo c'è sempre voglia di tenerezza o di un semplice abbraccio
LUOGO DEL VIDEO: Gibellina
PRODUTTORE DEL VIDEO: Giacomo Triglia
DATA DI PUBBLICAZIONE: 17 novembre 2017

VIDEO:

TESTO DELLA CANZONE:

Non mi intendo d’amore
Non lo so parlare
Non mi intendo di te
È per questo che non vieni con me
Io non abito al mare
Non lo so immaginare
È ora di andare a dormire
Nella mente che ci porta via
Oltre queste boe
Sembra una bugia
Perchè non so nuotare
 
Queste cose vorrei dirtele all’orecchio
Mentre urlano e mi spingono a un concerto
Gridarle dentro a un bosco nel vento
Per vedere se mi stai ascoltando
Queste cose vorrei dirtele sopra la tecno
Accartocciarle dentro a un foglio e poi centrare un secchio
Stasera non mi trucco che sto anche meglio
Voglio vedere se mi stai ascoltando
Se mi stai ascoltando
 
Non mi intendo d’amore
Non lo so spiegare
Ma quando mangio con te
Ho paura che arrivi il caffè
Che tu sei troppo dolce con me
Vorrei alzarmi da qui
Vedere se mi rincorri fuori
 
Queste cose vorrei dirtele all’orecchio
Mentre urlano e mi spingono a un concerto
Gridarle dentro a un bosco nel letto
Per vedere se mi stai ascoltando
Queste cose vorrei dirtele sopra la tecno
Accartocciarle dentro a un foglio e poi centrare un secchio
Stasera non mi trucco che sto anche meglio
Voglio vedere se mi stai ascoltando

Se mi stai ascoltando
Una serie di emozioni da evitare
Forse è meglio se parliamo di università
O della Serie A
 
Queste cose vorrei dirtele all’orecchio
Mentre urlano e mi spingono a un concerto
Urlarle dentro a un bosco nel vento
Per vedere se mi stai ascoltando
Queste cose vorrei dirtele sopra la tecno
Accartocciarle dentro a un foglio e poi centrare un secchio
Stasera non mi trucco che sto anche meglio
Voglio vedere se mi stai ascoltando
Se mi stai ascoltando

Nessuno vuole essere Robin di Cesare Cremonini

Febbraio 28th, 2018
nessuno vuole essere robin

ARTISTA: Cesare Cremonini
TIPO DI CANZONE: secondo singolo estratto dal suo ultimo album
ALBUM: Possibili scenari (2017)
GENERE: pop
ETICHETTA: Trecuori srl
PRODUTTORE DEL VIDEO:  Giorgio J. Squarcia
CONTENUTO DEL VIDEO: narra di un'audizione teatrale dove il protagonista si trova poi a indossare i panni del compagno di Batman
LUOGHI DEL VIDEO: Bologna (al Teatro Duse) e Londra 
DATA DI PUBBLICAZIONE: 23 febbraio 2018

VIDEO:

TESTO DELLA CANZONE: 

Come mai sono venuto stasera
Bella domanda
Se ti dicessi che mi manca il tuo cane, ci crederesti
Che in cucina ho tutto tranne che il sale, me lo daresti
C'ho una spina in gola che mi fa male, fa male, fa male
Fammi un'altra domanda
Che non riesco a parlare
Quel che vorrei dirti stasera è
Non ha importanza
È solo che a guardarti negli occhi mi ci perdo
Quando il cielo è silenzioso e mi nevica dentro
Se giurassi di dormire con te non toccarti, toccarti, toccarti

Ma certo, puoi dormire col cane
Sai quanta gente ci vive coi cani
E ci parla come gli esseri umani
Intanto i giorni che passano accanto li vedi partire
Come treni che non hanno i binari
Ma ali di carta e quanti inutili scemi
Per strada o su Facebook che si credono geni
Ma parlano a caso mentre noi ci lasciamo
Di notte e piangiamo e poi dormiamo coi cani

Ti sei accorta anche tu che siamo tutti più soli
Tutti con il numero 10 sulla schiena
E poi sbagliamo i rigori
Ti sei accorta anche tu
Che in questo mondo di eroi
Nessuno vuole essere Robin

È certo che è proprio strana la vita ci somiglia
È una sala d'aspetto affollata e di provincia
C'è un bambino di fianco all'entrata che mi guarda
E mi chiede perché
Pecche passiamo le notti aspettando una sveglia
Ci prendiamo una cotta per la prima disonesta
Complichiamo i rapporti come grandi cruciverba
E tu mi chiedi perché
Fammi un'altra domanda che non riesco a parlare

Sai quanta gente sorride alla vita e se la canta
Aspettando il domani, intanto i giorni che passano accanto
Li vedi partire come treni che non hanno i binari
Eppure vanno in orario
E quanti inutili scemi
Per strada o su Facebook
Che si credono geni
Ma parlano a caso
E mentre noi ci lasciamo di notte e piangiamo
E poi dormiamo coi cani
Mentre noi ci lasciamo di notte e piangiamo
E poi dormiamo coi cani
Mentre noi ci lasciamo di notte e piangiamo
E poi dormiamo coi cani
Mentre noi ci lasciamo di notte e piangiamo
E poi dormiamo coi cani

Ti sei accorto anche tu che siamo tutti più soli
Tutti con il numero 10 sulla schiena
E poi sbagliamo i rigori
Ti sei accorta anche tu
Che in questo mondo di eroi
Nessuno vuole essere Robin

Come mai sono venuto stasera
Come mai sono venuto stasera
Bella domanda

Il mondo prima di te di Annalisa

Febbraio 22nd, 2018

Il mondo prima di te di Annalisa

ARTISTA: Annalisa
TIPO DI CANZONE: secondo singolo estratto dall'ultimo album dell'artista e brano presentato al Festival di Sanremo 2018
ALBUM: Bye bye (2018)
GENERE; pop
ETICHETTA: Warner Music Italy
AUTORI DEL BRANO: Annalisa, Davide Simonetta e Alessandro Raini
LUOGO DEL VIDEO: Lanzarote
PRODUTTORI DEL VIDEO:  YouNuts!
DATA DI PUBBLICAZIONE: mercoledì 7  febbraio 2018

VIDEO:

TESTO DELLA CANZONE:

Un giorno capiremo chi siamo 
Senza dire niente 
E sembrerà normale
Immaginare che il mondo 
Scelga di girare 
Attorno a un altro sole


È una casa senza le pareti 
Da costruire nel tempo
Costruire dal niente
Come un fiore 
Fino alle radici
È il mio regalo per te 
Da dissetare e crescere

E siamo montagne a picco sul mare 
Dal punto più alto impariamo a volare
Poi ritorniamo giù 
Lungo discese pericolose
Senza difese
Ritorniamo giù 
A illuminarci come l’estate 
Che adesso brilla
Com’era il mondo prima di te

Un giorno capiremo chi siamo 
Senza dire niente
Niente di speciale
E poi ci toglieremo i vestiti 
Per poter volare più vicino al sole
In una casa senza le pareti 
Da costruire nel tempo 
Costruire dal niente
Siamo fiori
Siamo due radici 
Che si dividono per ricominciare a crescere

E siamo montagne a picco sul mare 
Dal punto più alto impariamo a volare
Poi ritorniamo giù 
Lungo discese pericolose
Senza difese
Ritorniamo giù 
A illuminarci come l’estate 
Che adesso brilla
Com’era il mondo prima di te 

Ora e per sempre ti chiedo di entrare all’ultima festa e nel mio primo amore
Poi ritorniamo giù 
Lungo discese pericolose
Senza difese
Ritorniamo giù 
A illuminarci come l’estate 
Che adesso brilla
Com’era il mondo prima di te
Com’era il mondo prima di te
Com’era il mondo prima di te

Non mi avete fatto niente di Ermal Meta e Fabrizio Moro

Febbraio 15th, 2018

Non mi avete fatto niente di Ermal Meta e Fabrizio Moro

ARTISTI: Ermal Meta e Fabrizio Moro
TIPO DI CANZONE: singolo vincitore del Festival di Sanremo 2018
AUTORI DEL BRANO: Ermal Meta, Fabrizio Moro e Andrea Febo
ALBUM: Non abbiamo armi di Ermal Meta (2018) e Parole rumori e anni di Fabrizio Moro (2018)
TEMA DEL BRANO: l'attentato di Manchester del 22 maggio 2017
GENERE: pop folk
ETICHETTA: Sony Music
CONTENUTO DEL VIDEO: scene di paura, di guerra, palazzi distrutti da bombe, razzi sparati nel cielo e soldati che cercano di evitare colpi dei nemici
PRODUTTORI DEL VIDEO: Michele Placido & Arnaldo CatinariDATA DI PUBBLICAZIONE: mercoledì 7 febbraio 2018

VIDEO:

TESTO DELLA CANZONE:

A Il Cairo non lo sanno che ore sono adesso
Il sole sulla Rambla oggi non è lo stesso
In Francia c’è un concerto
la gente si diverte
Qualcuno canta forte
Qualcuno grida a morte
A Londra piove sempre ma oggi non fa male
Il cielo non fa sconti neanche a un funerale
A Nizza il mare è rosso di fuochi e di vergogna
Di gente sull’asfalto e sangue nella fogna
E questo corpo enorme che noi chiamiamo Terra
Ferito nei suoi organi dall’Asia all’Inghilterra
Galassie di persone disperse nello spazio
Ma quello più importante è lo spazio di un abbraccio
Di madri senza figli, di figli senza padri
Di volti illuminati come muri senza quadri
Minuti di silenzio spezzati da una voce

Non mi avete fatto niente
Non mi avete fatto niente
Non mi avete tolto niente
Questa è la mia vita che va avanti
Oltre tutto, oltre la gente
Non mi avete fatto niente
Non avete avuto niente
Perché tutto va oltre le vostre inutili guerre
C’è chi si fa la croce
E chi prega sui tappeti
Le chiese e le mosche
l’Imàm e tutti i preti
Ingressi separati della stessa casa
Miliardi di persone che sperano in qualcosa
Braccia senza mani
Facce senza nomi
Scambiamoci la pelle
In fondo siamo umani
Perché la nostra vita non è un punto di vista
E non esiste bomba pacifista

Non mi avete fatto niente
Non mi avete tolto niente
Questa è la mia vita che va avanti
Oltre tutto, oltre la gente
Non mi avete fatto niente
Non avete avuto niente
Perché tutto va oltre le vostre inutili guerre
Le vostre inutili guerre
Cadranno i grattaceli
E le metropolitane
I muri di contrasto alzati per il pane
Ma contro ogni terrore che ostacola il cammino
Il mondo si rialza
Col sorriso di un bambino
Col sorriso di un bambino
Col sorriso di un bambino

Non mi avete fatto niente
Non avete avuto niente
Perché tutto va oltre le vostre inutili guerre
Non mi avete fatto niente
Le vostre inutili guerre
Non mi avete tolto niente
Le vostre inutili guerre
Non mi avete fatto niente
Le vostre inutili guerre
Non avete avuto niente
Le vostre inutili guerre
Sono consapevole che tutto più non torna
La felicità volava
Come vola via una bolla