Benvenuti su The Live News

Kris Live Music


Arrogante di Irama

Giugno 27th, 2019
arrogante di irama

ARTISTA: Irama
TIPO DI CANZONE: nuovo singolo estivo del rapper
GENERE: pop. Il brano è un misto tra bachata e flamenco
INFO: l'idea è nata dall'unione di culture diverse ma simili ed è adatta per essere vissuta e ballata in questo periodo estivo
ETICHETTA: Warner Music Italy
PRODUTTORE DEL VIDEO: Gianluigi Carella
CONTENUTO DEL VIDEO: ha spezzoni vintage altri più moderni per risaltare l'idea di "arrogante" del cantante
LUOGO DEL VIDEO: Miami
DATA DI PUBBLICAZIONE: venerdì 24 maggio 2019

 

VIDEO:

TESTO DELLA CANZONE:

Ehi, ehi, ehi

Sono stato troppo crudo
Come un taglio con il sale
Ma la voglia che ho di prenderti
E di farti mia non mi fa ragionare
E mi hai detto, "Con me hai chiuso"
Sono stanco di aspettare
Ma se la bocca è fatta per tradire, il cuore per restare

E sono un arrogante
E non mi importa se non sei più dalla mia parte
Non è importante
E sono un arrogante
Tutte le volte che eri qui e ti ho messo da parte
Non è importante

Balla lentamente, oh, eoh
Senza dire niente, oh, eoh
Con la faccia al sole
La tua pelle che sa di sale, oh, eoh
Fallo lentamente, oh, eoh
Come fossimo io il giorno, tu la notte
Tu viso pulito, il mio pieno di botte
Io e te

Come un cabaret
Sembri un cabaret e tu
Sembra quasi che non vuoi scherzare
Io sopra di te, uh
Tu sopra di me, tu
Calma, calma

Ehi, come Mona Lisa, ma con la mia camicia
Mi ricordo la tua amica, sembra una calamita
Ora allaccia la cintura che entriamo nella mia vita
Ti riporto a casa dopo che ti ho servita
Dai vieni più vicino, si muove quel bacino
La mano tra i capelli, sì, ancora ancora
Dai vieni più vicino, sul collo il tuo respiro
La mano tra i capelli, ma l'altra dove va?

E lo so, la bocca è per tradire
Ma il cuore no, yo yo

E sono un arrogante
E non mi importa se non sei più dalla mia parte
Non è importante
E sono un arrogante
Tutte le volte che eri qui e ti ho messo da parte
Non è importante

Balla lentamente, oh, eoh
Senza dire niente, oh, eoh
Con la faccia al sole
La tua pelle che sa di sale, oh, eoh
Fallo lentamente, oh, eoh
Come fossimo io il giorno, tu la notte
Tu viso pulito, il mio pieno di botte
Io e te

Ma l'hai capito pure te?
Questo è importante

E sono un arrogante
E non mi importa se non sei più dalla mia parte
Non è importante
E sono un arrogante
Tutte le volte che eri qui e ti ho messo da parte
Non è importante

Balla lentamente, oh, eoh
Senza dire niente, oh, eoh
Con la faccia al sole
La tua pelle che sa di sale, oh, eoh
Fallo lentamente, oh, eoh
Come fossimo io il giorno, tu la notte
Tu viso pulito, il mio pieno di botte
Io e te

Buona (cattiva) sorte di Tiziano Ferro

Giugno 26th, 2019
buona (cattiva) sorte di Tiziano Ferro

ARTISTA: Tiziano Ferro
TIPO DI CANZONE: primo singolo estratto dal suo settimo album
ALBUM: Accetto miracoli (in uscita il 22 novembre 2019)
GENERE: pop ed elettro-house
TEMA DEL BRANO: l'amore fuori controllo che supera i valori morali e sociali
AUTORI E MUSICHE DEL BRANO: Tiziano Ferro, Emanuele Dabbono e Giordana Angi
ETICHETTA: Virgin
PRODUTTORI: Timbaland, Angel Lopez e Federico Vindver
PRODUTTORE DEL VIDEO: Gaetano Morbioli
LUOGO DEL VIDEO: Los Angeles
CONTENUTO DEL VIDEO: nella prima parte Tiziano fa il bagno in una vasca piena di inchiostro nero mentre nella successiva parte la clip diventa colorata e l'artista balla, con un gruppo di ragazze,  per le strade di Los Angeles
DATA DI PUBBLICAZIONE: venerdì 31 maggio 2019

VIDEO:

TESTO DELLA CANZONE:

Ha gli occhi di tuo padre 
la bocca di tua madre 
sul tuo viso loro due stanno ancora insieme 
ti ha distrutto l’amore 
e il mio stesso veleno 
26 lettere ed ancora non ci chiamiamo

E' un dolore di lusso il tuo 
scritto d’inchiostro nero che 
getti sopra i vetri se non ti piace ciò che vedi 

Non preoccuparti amore mio 
esisti tu, esisto solo io 
ci rinnegano, ci lapidano 
e noi con quelle pietre costruiremo una parete

Nella buona cattiva sorte 
io l’amerò, l’amerò fino alla morte 
nella buona cattiva sorte 
io l’amerò, l’amerò fino alla morte 
fino alla morte fino a che 
fino alla morte fino a che 
non finirà

Fino alla morte fino a che 
fino alla morte fino a che 
fino alla morte fino finirà

E ora baciami forte 
tra i dipinti al museo 
mentre urli “Sei cambiato” e rispondo “Non è vero” 
è un amore di lusso il mio 
scritto pure di lacrime 
e dall’ossessione per il sapore del dolore

Tu vuoi scegliere per mestiere 
e diventare il mio carceriere 
non capisco qual è il trucco ma capisco qual è il piano 
controllare da lontano

Nella buona cattiva sorte 
io l’amerò, l’amerò fino alla morte 
nella buona cattiva sorte 
io l’amerò, l’amerò fino alla morte 
fino alla morte fino a che 
fino alla morte fino a che 
non finirà

Fino alla morte fino a che 
fino alla morte fino a che 
Fino alla morte finirà

Baciami fino a quando vuoi 
baciami come l’avessimo inventato noi 
prendi me con ogni mia ferita 
prendi me come per tutta la vita

Nella buona cattiva sorte 
io l’amerò, l’amerò fino alla morte

Nella buona cattiva sorte 
io l’amerò, l’amerò fino alla morte 
fino alla morte fino a che 
fino alla morte fino a che 
non finirà 
fino alla morte fino a che 
fino alla morte fino a che 
fino alla morte finirà

Due destini dei Tiromancino ft. Alessandra Amoroso

Giugno 7th, 2018
Due destini dei Tiromancino ft. Alessandra Amoroso

ARTISTA: Tiromancino
COLLABORAZIONE: Alessandra Amoroso
TIPO DI CANZONE: nuova versione del singolo contenuto nell'album "La descrizione di un attimo" (2000)
GENERE: pop rock
ETICHETTA: Virgin Records
INFO: il celebre brano compie 18 anni dalla sua uscita ed è inoltre la colonna sonora del film "Le fate Ignoranti" di Ferzan Özpetek
PRODUTTORI DEL VIDEO: YouNuts! (Antonio Usbergo & Niccolò Celaia)
DATA DI PUBBLICAZIONE: mercoledì 23 maggio 2018

VIDEO:

TESTO DELLA CANZONE:

Ti ricordi i giorni chiari dell'estate
Quando parlavamo fra le passeggiate
Stammi più vicino ora che ho paura
Perché in questa fretta tutto si consuma
Mai non ti vorrei veder cambiare mai

Perché siamo due destini che si uniscono
Stretti in un istante solo
Che segnano un percorso profondissimo 
Dentro di loro

Superando quegli ostacoli 
Se la vita ci confonde
Solo per cercare di essere migliori
Per guardare ancora fuori
Per non sentirci soli

Ed per questo che ti sto chiedendo
Di cercare sempre quelle cose vere
Che ci fanno stare bene

Mai io non le perderei mai
Perché siamo due destini che si uniscono
Stretti in un istante solo
Che segnano un percorso profondissimo 
Dentro di loro

Superando quegli ostacoli 
Che la vita non ci insegna
Solo per cercare di essere più veri
Per guardare ancora fuori
Per non sentirci soli

Superando quegli ostacoli 
Se la vita non ci confonde
Solo per cercare di essere sinceri
Per guardare ancora fuori
Per non sentirci soli
Per non sentirci soli
Per non sentirci soli (per non sentirci soli)
Per non sentirci soli
Per non sentirci soli

Italiana di J-Ax e Fedez

Maggio 31st, 2018
Italiana di J-Ax e Fedez

ARTISTI: J-Ax e Fedez
TIPO DI CANZONE: nuovo singolo per il duo
GENERE: raggae
ETICHETTA: Newtopia
PRODUTTORI DEL BRANO: Merk & Kremont e Fabio Rovazzi
PRODUTTORE DEL VIDEO:  Martina Pastori
LUOGO DEL VIDEO:  Palm Springs a Los Angeles
CONTENUTO DEL VIDEO: in apertura della clip Fedez tiene in mano un oggetto oscurato che poi lancia e si infiamma mentre successivamente  i due rapper si divertono con altre persone a svolgere attività differenti.
DATA DI PUBBLICAZIONE: venerdì 4 maggio 2018

VIDEO:

TESTO DELLA CANZONE:

Brrrahhhhhh 
Paese scontato, l’offerta divide 
Perché qui ci sono più Lidl che leader 
Silvio ritorna in versione Wi-Fi 
La prima amnesia non si scorda mai

[Strofa 1: Fedez] 
La gente che conta quest’anno va a Mykonos 
A fare gli hippie fumando l’origano 
Sarà l’allergia che ha giocato d’anticipo 
Per questi occhi rossi non c’è antistaminico 
E poi Donald Trump si allena con il RisiKo! 
Se non è al Pentagono lo trovi al Poligono 
E tu ti senti spaventata come minimo 
Come quando Fausto Brizzi ti chiede il curriculum 
Tenere alta la bandiera 
Gli Azzurri sono in ritiro a Formentera 
No, la donna è una sfiga vera 
È solo un’altra storia

Italiana 
L’estate che cerchi non è lontana 
La gente per nulla lo sai si innamora 
Se vieni dal mare ti stiamo aspettando 
Con l’acqua alla gola 
Ti racconteremo una storia italiana 
Vedrai che il lavoro nemmeno ti sfiora 
E anche se piove la musica suona

Abbiamo perso ma ci credevo 
Come ai mondiali e alle elezioni 
Prova costume per smaltire peso 
Qui ci nutriamo solo di illusioni 
E boom

Aspetteremo il missile di Kim Jong Un 
Tenendoci informati tramite fake news 
I balli sulle spiagge tenendoci in forma facendo maratone di serie tv 
La moda in Italia 
I libri di cucina ed il tanga, una cultura culinaria 
Triangolo e bermuda sono la nuova repubblica 
Facciamo la ceretta per l’opinione pubica 
Toccheremo il cielo e taggheremo il fondo 
Venuti male come le foto sul passaporto 
Più che fuori dall’Europa siamo fuori dal mondo 
E se sei bona c'hai lo sconto

Italiana 
L’estate che cerchi non è lontana 
La gente per nulla lo sai si innamora 
Se vieni dal mare ti stiamo aspettando 
Con l’acqua alla gola 
Ti racconteremo una storia 
Italiana 
Vedrai che il lavoro nemmeno ti sfiora 
E anche se piove la musica suona

È tutto un giro di incroci 
Senti le voci 
Che si mischiano al vento 
Come fuori dal tempo 
Tutto è cambiato ma certe cose rimangono identiche 
Quindi tu falla semplice 
E raccontami una storia nuova 
E anche se piove la musica suona 
E anche se piove la musica suona

Italiana 
L’estate che cerchi non è lontana 
La gente per nulla lo sai si innamora 
Se vieni dal mare ti stiamo aspettando 
Con l’acqua alla gola 
Ti racconteremo una storia 
Italiana

Battaglia navale di Lorenzo Fragola

Maggio 12th, 2018
Battaglia navale di Lorenzo Fragola

ARTISTA: Lorenzo Fragola
TIPO DI CANZONE: secondo singolo estratto dal suo ultimo album
ALBUM: Bengala (2018)
GENERE: pop
ETICHETTA: Sony Music
LUOGO DEL VIDEO: New York
CONTENUTO DEL VIDEO: l'artista canta, cammina e corre nell’atmosfera spettrale del parco divertimenti deserto, come fosse una città fantasma
PRODUTTORI DEL VIDEO: Younuts
DATA DI PUBBLICAZIONE: venerdì 30 marzo 2018

VIDEO:

TESTO DELLA CANZONE:

Guerra è 
tra brividi d'abitudine, limite tra fuoco e gratitudine 
su di me, su di me

Notti che 
Lotto con i miei incubi, semplice paura dei miei limiti 
scomodi da affrontare

Perché tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare 
Io non so nuotare 
Battaglia navale 
Tra le mie parole e le mie paure 
mille paranoie, mille notti buie

Resto a galla a pensare, soffia vento maestrale 
(...)Rabbia da affogare, solo, solo 
Resto a galla a pensare, c'era un buco nel mare 
(...) solo, solo

Soffia anche il vento in faccia, ho perso la mia meta 
Cosa vuoi che faccia, se mi ha lasciato a metà

Ho puntato all'oceano, lasciato il porto 
per rendermi conto che il viaggio è lungo 
Non so se ritorno, non sono pronto 
Ho nascosto il profumo di casa addosso 
Nel caso ne avessi bisogno e nel caso mi svegliassi un giorno 
Guardarmi allo specchio, poi rendermi conto che non è il mio sogno 
In fondo

Perché tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare 
Io non so nuotare 
Battaglia navale 
Tra le mie parole e le mie paure 
mille paranoie, su di me

Resto a galla a pensare, soffia vento maestrale 
(...)Rabbia da affogare, solo, solo 
Resto a galla a pensare, c'era un buco nel mare 
(...) nel mio viaggio astrale, solo, solo

Solo, solo, 
Perché tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare 
Io non so nuotare 
Battaglia navale 
Solo, solo

Solo

Perché tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare (solo, solo) 
Io non so nuotare (solo, solo) 
Battaglia navale (solo, solo)

Solo, solo